Jerusalem takes your soul, it charms you before capturing your heart and then reduces it to shreds, leaving it prey to countless thoughts and unanswered questions. You can feel the pain, the despair, the anger for a God who is not there, yet invoked by thousands of voices that rise up from every side of town. He is hidden and ignored, the God of consolations, submerged in the sea of tension that fills these walls...

                                                          - Postcards from the Middle East-

 

 

Gerusalemme  ti prende l’anima, l’ammalia, la cattura, la sconvolge prima di ridurla a brandelli, lasciandola preda di infiniti pensieri e domande senza risposta. Si sente il dolore, lo sconforto, la rabbia per un Dio che non c’è, che non si fa trovare dalle mille voci che in tutte le lingue lo chiamano da ogni lato della città. E’nascosto e ignorato, il Dio delle consolazioni, sommerso nel mare di tensione che invade queste mura...

                                                                   -Cartoline dal Medio Oriente-